ASCOT: 2019 QIPCO BRITISH CHAMPIONS DAY
Londra, 18 Ottobre 2019
Anche quest’anno siamo arrivati alla fine della stagione di corse in piano in UK, almeno per quanto riguarda le varie classifiche: s’incomincia con le QIPCO 2000 Ghinee a Newmarket, il primo Sabato di Maggio e si finisce con il QIPCO Champions Day ad Ascot, il penultimo Sabato di Ottobre.
Ci sarà una coda, fuori classifiche, la settimana prossima, a Doncaster, con il Vertem Futurity Trophy, Gr-1, 1m, per soli cavalli di 2 anni (corse il Venerdì e il Sabato).

Fortunatamente al Mipaaft, i suoi attenti funzionari, raschiando il barile, hanno trovato i fondi per coprire le corse di Gruppi 1 e 2 di domani, ma il futuro è buio.

Fino a quando ci sarà questa “comica” o “tragedia” che il Mipaaft paga i diritti per la trasmissione TV delle corse estere e per i diritti alle scommesse e il Mef incassa i proventi di quelle scommesse, stornandoli al Mipaaft dopo più di un anno, le cose andranno sempre peggio.

Tutto dipenderà dal nuovo Ministro (anche se è una donna la carica è quella di Ministro e non certo di Ministra), se cioè taglierà quella voce di spesa (che poi spesa non è: più si spende e più s’incassa, ma c’è la macroscopica “stortura” di cui sopra), come ha fatto l’ex Ministro (per fortuna ex), che però si è lasciato, ahimè, qualche strascico di collaboratori in Via XX Settembre, o se quella voce la rimpinguerà.

Bisognerebbe che qualcuno avesse un colloquio con il nuovo Ministro, ma nessuno fa un passo, se non per chiedere “li sordi de noantri”.

Se altro taglio a quel budget ci sarà, il denaro degli investitori Italiani se ne andrà per tutte le vie del Signore che ci sono nell’era della globalizzazione e d’Internet, che il Mef non riesce a bloccare, perché non è possibile farlo, tecnicamente.
In questo caso ci dovrebbero essere le manette, non per gli evasori (quegli investitori), ma per chi ha creato la “stortura” e per chi a quella “stortura” non pone fine

Colpo di scena: il mio gatto Frankel, entrando di corsa nel mio studio, mi ha portato le ultime novità.

Il settore gambling (betting & gaming) non è più di “proprietà” dello Stato, i bookmakers Italiani sono stati lasciati liberi di fare quello che vogliono, in primis di eliminare la “stortura” della scommessa piazzata a quota fissa, sostituendola con quella vincente & piazzato, a masse pari, per 3, 4, 5, 6, 7 o X piazzati, rispettivamente a ¼, 1/5 della quota del vincente, di applicare la Tattersalls Regola 4, copiandola paro – paro da quella Inglese, eliminando l’orribile interpretazione fatta in Italia per il Palinsesto Complementare, di aprire i mercati per l’ante – post betting, di istruire i traders a non fare più riferimento al mercato UK, per i movimenti che portano ai cambiamenti di quota, obbligandoli a guardare solo il mercato Italiano, costringendoli a lavorare al 2% per cavallo (come in UK nel terzo quadrimestre dell’anno 2019) e a bancare “bocca dire” i favoriti.
La TV, con un canale dedicato, d’ora in avanti, riprenderà paro – paro i programmi di Sky Sport Racing e di Racing TV, con commenti e note in Inglese.
Lo stesso farà nei giorni 01 e 02 Novembre per le corse della Breeders’ Cup 2019 da Santa Anita.
Fantastico!

Non ho nemmeno fatto in tempo a godermi quello che, ahimè era e sarà sempre un sogno, che lo stesso Frankel, miagolando, mi ha trascinato al laptop per continuare nel lavoro concreto.

Vale la pena spendere due parole per Enable (GB) (f. b. 2014 Nathaniel) che rimane in allenamento a 6 anni e nessuno sa il perché.
Tutti coloro che scrivono nel Regno Unito sui giornali e che parlano alla TV si sono dichiarati entusiasti, per non parlare degli Americani, che comunque copiano gli Inglesi, anche nello storpiare il nome di Sua Altezza il Principe Saudita Khaled (e non Khalid) bin Abdullah bin Abdul Rahman Al Saud.
Sua Altezza è malata da tempo e ai comandi c’è il figlio, il Principe Saud, che si diverte solo con i Gruppi 1, ma di cavalli per correre quel tipo di corse Juddmonte ne ha a bizzeffe.
Io credo che Enable avrebbe dovuto essere ritirata in razza anche per una forma di rispetto nei suoi confronti.
Ha vinto tutto quello che poteva vincere, perciò basta.
Ha vinto con merito l’Arc 2017, ha vinto l’Arc 2018 grazie alla follia di un fantino, molto sopravvalutato, che si chiama James Doyle, che le ha regalato la corsa, e quest’anno è stata battuta, fair and square.
Ripeto: mettete a riposo Enable.

Ascot Mappa Pista

(Copyright: Timeform)

Entriamo nel rosso dell’uovo delle corse di Gruppo 1 e di Gruppo 2, lasciando ai maghi nostrani l’interpretazione dell’Handicap di lusso finale.
Io sarò già sul treno per Londra – Waterloo Station.
Precisazione: le corse sono di lettura difficilissima per il terreno pesante (vedere la mappa in fondo all’articolo), ma non solo.
Ricordatevi che la dirittura di Ascot asciuga piuttosto velocemente: per le corse previste sul percorso con la curva, che asciuga molto lentamente, il Clerk of the Course di Ascot, il Signor Chris Stickles, ha deciso di utilizzare la pista interna, quella per le corse del National Hunt.
Cercherò di darvi informazioni dall’ippodromo a mezzo interviste e vi manderò i miei Picks of the paddock, tempo permettendo.

Ricordo che tutte le corse di domani saranno sponsorizzate dalla QIPCO, la società finanziaria che fa capo al Ruler del Qatar e alla sua famiglia.
Naturalmente nessuno in Italia, sia sulla carta stampata, sia alla TV, sia nei siti dei vari bookmakers, scriverà il nome dello sponsor, e facendo ciò tutti quei soggetti commetteranno un vero e proprio “delitto”.

GOING HEAVY, Waterlogged in places on Round course (GoingStick: Straight 5.9; Round 5.1) (Races may be transferred to the Inner flat course) Inner Flat Course – GOOD TO SOFT, Soft in places (Scattered showers)

H. 1.35PM GMT, H. 2.35PM CET: Qipco British Champions Sprint Stakes, Gr-1, 6f, per cavalli di 3 anni e oltre con una dotazione di £ 583.130.

Race conditions: £583,130 guaranteed For 3yo+ Weights 3yo colts & geldings 9st 1lb; fillies 8st 12lb; 4yo+ colts & geldings 9st 2lb; fillies 8st 13lb; NOTE: horses will be eligible to run in this race provided that they have a current BHA Handicap Rating of 80 or higher Weight for age 3yo from 4yo+ 1lb Entries 17 pay £2,380 Penalty value 1st £330,693.01 2nd £125,372.95 3rd £62,744.79 4th £31,255.77 5th £15,686.20 6th £7,872.26.
Mi aiuto con il Timeform e con le quote offerte dagli allibratori del Regno Unito e dell’Irlanda.
Il massimo Rating, aggiustato per la corsa, 137, il Timeform lo assegna ad Advertise (GB) (m. b. 2016 Showcasing), che ha anche un Official Rating di 119, un Best Racing Post Rating di 121 e una quota tra 4/1 e 5/1.
Come si comporterà sul terreno?
Chi non dovrebbe avere problemi di terreno è Hello Youmzain (FR) (m. b. 2016 Kodiac), che ha un OR di 118, un BRPR di 121, un Timeform di 135 e una quota tra 5/1 e 11/2.
Attenzione a due cavalli che provengono dall’Irlanda: Speak In Colours (GB) (m. b. 2015 Excelebration) che ha un OR di 111(sottovalutato), un BRPR di 115, un Timeform di 127 e una quota tra 25/1 e 28/1: è uno specialista del terreno, ama correre nelle posizioni di testa e questo dovrebbe essere un vantaggio, e Make A Challenge (IRE) (c. b. 2015 Invincible Spirit), che ha un OR di 111 (sottovalutato), un BRPR di 115, un Timeform di 127 e una quota tra 5/1 e 7/1 (sarà interessante vedere come apriranno i bookmakers nostrani).
Il cavallo è in una forma terrificante e l’ho visto correre la settimana scorsa, in TV, in Irlanda: ha fatto una passeggiata su di un terreno tremendo.
Purtroppo lo monta James Doyle, ma è il mio favorito sul “bottolotto” Speak In Colours.
Parlo di each way, of course.

H. 2.10PM GMT, H. 3.10PM CET: Qipco British Champions Long Distance Cup, Gr-2, 1m7f209, per cavalli di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 450.000.

Race conditions: £450,000 guaranteed For 3yo+ Weights 3yo colts & geldings 8st 13lb; fillies 8st 10lb; 4yo+ colts & geldings 9st 7lb; fillies 9st 4lb Weight for age 3yo from 4yo+ 8lb pay £1,575 Penalty value 1st £255,195.00 2nd £96,750.00 3rd £48,420.00 4th £24,120.00 5th £12,105.00 6th £6,075.00.
Very weak in the market Stradivarius (GB) (m. s. 2014 Sea The Stars), che ha un OR di 121, un BRPR di 123, un Timeform di 135 (Rating Massimo) e una quota tra 2/1 on e 7/4 on: addirittura era arrivato a 8/11 da Ladbrokes.
Sulla carta il contro non esiste: difficile quindi indicare un’alternativa.
Forse Kew Gardens (IRE) (m. b. 2015 Galileo), che ha un OR di 118, un BRPR di 121, un Timeform di 134 e una quota tra 4/1 e 5/1.

H. 2.45PM GMT, H. 3.45PM CET: Qipco British Champions Fillies & Mares Stakes, Gr-1, 1m3f211y, per sole femmine di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 550.000.

Race conditions: £550,000 guaranteed For 3yo+ fillies & mares Weights 3yo 8st 13lb; 4yo+ 9st 5lb; NOTE: horses will be eligible to run in this race provided that they have a current BHA Handicap Rating of 80 or higher at midday of the confirmation stage Weight for age 3yo from 4yo+ 6lb pay £2,380 Penalty value 1st £311,905.00 2nd £118,250.00 3rd £59,180.00 4th £29,480.00 5th £14,795.00 6th £7,425.00.
Pasticcio assoluto.
Il Timeform (Rating massimo di 127) indica Star Catcher (GB) (f. b. 2016 Sea The Stars), che ha un OR di 114, un BRR di 115, una quota tra 6/4 e 13/8.
Corre in testa e “nuota” alla grande.
Un’altra merce potrebbe essere Anapurna (GB) (f. b. 2016 Frankel), che ha un OR di 115, un BRPR di 113, un Timeform di 126 e una quota tra 4/1 e 9/2.
Ha vinto le Investec Oaks, su cortese regalo di Pink Dogwood (IRE) (f. b. o.2016 Camelot), che ha un OR di 110, un BRPR di 112, un Timeform di 119 e una quota tra 16/1 e 33/1.
Al momento non sembra in forma, nella maniera più assoluta, ma cavalle con questa classe possono resuscitare in qualsiasi momento.
E che dire di Fleeting (IRE) (f. b. 2016 Zoffany) che ha un OR di 113, un BRPR di 115, un Timeform di 125 e una quota tra 13/2 e 7/1?
Mi piace moltissimo Tarnawa (IRE) (f. b. 2016 Shamardal), che ha un OR di 108, un BRR di 111, un Timeform di 120 e una quota tra 11/2 e 7/1: vola sul pesante e ama correre nelle posizioni di testa e la distanza è pane per i suoi denti (affilati).
C’è un allenatore i cui cavalli al momento volano, anzi di più: Ralph Beckett, che allena a Kimpton, Hertfordshire, Regno Unito.
Presenta Antonia De Vega (IRE) (f. b. 2016 Lope De Vega), che ha un OR di 104, un BRPR di 105, un Timeform di 119 e una quota tra 8/1 e 10/1.
L’ultima volta, al rientro dopo 8 mesi di assenza dalle piste, ha vinto, facilissima, una Listed a Newbury sul terreno soft.

H. 3.20PM GMT, H. 4.20PM CET: Queen Elizabeth II Stakes, Gr-1, 1m (pista dritta), Sponsored By Qipco) (British Champions Mile), per cavalli di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 1.100.000.

Race conditions: £1,100,000 guaranteed For 3yo+ Weights 3yo colts & geldings 9st 1lb; fillies 8st 12lb; 4yo+ colts & geldings 9st 4lb; fillies 9st 1lb; NOTE: horses will be eligible to run in this race provided that they have a current BHA Handicap Rating of 80 or higher Weight for age 3yo from 4yo+ 3lb pay £4,800 Penalty value 1st £623,810.00 2nd £236,500.00 3rd £118,360.00 4th £58,960.00 5th £29,590.00 6th £14,850.00.
A sentire alcuni pundits, alcuni sapientoni, The Revenant (GB) (c. s. 2015 Dubawi), che ha un BRPR di 118, un Timeform di 134+ e una quota tra 9/4 e 5/2, sarebbe il cavallo del giorno.
L’ultima volta, a Longchamp, ha vinto il Qatar Prix Daniel Wildenstein e vola sul terreno pesantissimo.
Alcuni “sveltoni” hanno appoggiato pesantemente Lord Glitters (FR) (c. gr. 2013 Whipper), che un OR di 117, un BROR di 120, un Timeform di 133, una quota tra 6/1 e 7/1: le ultime due corse sono da dimenticare.
Tanti soldi, il cosiddetto “clever money”, è andato su Magna Grecia (IRE) (m. b. 2016 Invincible Spirit), che un OR di 120, un BRPR di 121, un Timeform di 133, una quota tra 9/2 e 6/1.
Ha vinto le QIPCO 2000 Guineas e quel giorno Aidan O’Brien mi disse che su quel terreno, piuttosto lose on top, scivoloso in superficie, aveva un’ottima chance.
Rientra: vi ho fatto assistere in diretta, dalla sala d’aste di Tattersalls, a Newmarket, alla vendita del suo mezzo fratello yearling, da Lope de Vega (IRE) (m. s. 2007 Shamardal), aggiudicato per Ghinee 1.300.000 al Signor M. V. Magnier & Partners (Coolmore Stud).
Non credo nella maniera più assolta in Benbatl (GB) (m. b. 2014 Dubawi), che ha un OR di 126, un BROR di 124, un Timeform di 139 (Rating massimo) e una quota tra 5/1 e 7/1.
Lo monta Oisin Murphy in gran forma.
Se Magna Grecia è da corsa questi li doppia.

H. 4.00PM GMT, H. 5.00PM CET: Qipco Champion Stakes (British Champions Middle Distance), Gr-1, 1m, per cavalli di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 1.358.750.

Race conditions: £1,358,750 guaranteed For 3yo+ Weights 3yo colts & geldings 9st 1lb; fillies 8st 12lb; 4yo+ colts & geldings 9st 5lb; fillies 9st 2lb; NOTE: horses will be eligible to run in this race provided that they have a current BHA Handicap Rating of 80 or higher Weight for age 3yo from 4yo+ 4lb pay £5,700 Penalty value 1st £770,547.12 2nd £292,131.24 3rd £146,201.50 4th £72,829.00 5th £36,550.38 6th £18,343.13.
Qui l’affare s’ingrossa e il gioco si fa duro, anzi durissimo.
Come fa ad essere secondo favorito Addeybb (IRE) (m. s. 2014 Pivotal) che ha un OR di 114, un BRPR di 121, un Timeform di 134 e una quota tra 13/8 e 15/8?
L’ultima volta, a Haydock, ha vinto le Rose Of Lancaster Stakes, Gr-3.
Vola sul terreno pesate, ma da qui al primo posto nelle QIPCO Champions Stakes ce ne corre e il suo allenatore William Haggas, che allena a Newmarket, Suffolk, Regno Unito, non è in grande spolvero: 3 vittorie su 40 partenti negli ultimi 14 giorni.
Lo stesso ragionamento, ma per altri motivi, vale per Magical (IRE) (f. b. 2015 Galileo), che ha un OR di 122, un BRPR di 123, un Timeform di 137 (Rating massimo).
La cavalla ha una casse straordinaria, è molto consistente, ma potrebbe anche dire basta, come doppiare questi avversari.
La sua quota varia tra 13/8 e 15/8.
Sul terreno infame del Qatar Prix de l’Arc de Triomphe è arrivata quinta.
Potrebbero correre molto bene (sono pericolosissime) Coronet (GB) (f. gr. 2014 Dubawi) che ha un OR di 115, un BRPR di 117, un Timeform di 133 e una quota tra 7/2 e 4/1, che ha vinto, a Longchamp, il Darley Prix Jean Romanet, Gr-1, su terreno infame, e Deirdre (JPN) (f. b. 2014 Harbinger), che ha un OR di 116, un BRPR di118, un Timeform di 133, una quota tra 8/1 e 10/1.
Nelle QIPCO Irish Champions Stakes, a Leopardstown, ha avuto intralci di tutti i tipi ed è finita quinta di MAGICAL.
Sulla carta MAGICAL è imbattibile, ma potrebbe essere alla frutta; il tondino potrebbe dirmi la verità.

Carlo Zuccoli

P. S.

H. 4.40PM GMT, H. 5.40PM CET: Balmoral Handicap (Sponsored By Qipco), Classe 2, 1m (pista dritta) per cavalli di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 250.000.
I bookmakers Inglesi, allo stato, offrono 4 e 5 piazzati, ma credo che arriveranno a 6, mentre in Italia siamo sempre alla “rapina” di 3 piazzati: dico io, ma ci vuole tanto a cambiare la regola?
Perché “strizzare” la punta fino allo stremo?
Perché le Autorità sono così sorde?
Timeform massimo, 124p, per Lord North (IRE) (c. b. 2016 Dubawi) che ha un OR di 110, un BRPR di 113, una quota tra 3/1 e 7/2.
All’ultima uscita ha vinto il bet365 Cambridgeshire Handicap, a Newmarket, con un OR di 98, alla quota di 9/2 Favorito.
Non so quanto sia capace di “nuotare”.
Good luck!

C. Z.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.