2019 YORK – MERCOLEDÌ 21.08
Londra, 21 Agosto 2019

Il grande “Circo” del purosangue Internazionale, quello vero, quello ad altissimo livello, quello i cui cavalli sono nati e sono stati allevati senza i contributi statali, durate l’Estate, si sposta da Ascot a Goodwood, a Saratoga, a Del Mar, l’ippodromo di San Diego, California, e a York, con qualche puntata in Normandia, a Deauville, per levare le tende dopo il Meeting incentrato sul William Hill St. Leger, a Doncaster.

Sia a Saratoga, una spa (salus per aquam) di lusso nello Stato di New York, sia a Deauville, in Normandia, la spiaggia dell’élite Internazionale nel 900, si tengono, tutti gli anni, le aste degli yearlings di “prima”, con transazioni da decine e decine di Milioni di Dollari e di Euro, transazioni chiare e limpide, per un mondo di specialisti e di professionisti nel quale lo Stato non può nemmeno mettere il naso.

Questa settimana siamo a York, al centro dell’Inghilterra, con corse fantastiche e premi altrettanto fantastici: Juddmonte International Stakes (in Italia scriveranno Premio Juddmonte International – se ci sta nella riga: brbrbrbrbrbr) con un montepremi di £ 1.000.000, Darley Yorksire Oaks con un montepremi di £ 400.000, Coolmore Nunthorpe Stakes con un montepremi di £ 400.000 e Sky Bet Ebor Handicap con un montepremi di £ 1.000.000 più altre corse dotate di “bruscolini”, naturalmente.

Sono trascorsi esattamente 169 anni da quando nel 1850, nella Doncaster Cup, 2m1f197y, si sfidarono Voltigeur (GB) (m. b. o. 1847 Voltaire – Martha Lynn (Mulatto) e Flying Dutchman (GB) (m. b. o. 1846 Bay Middleton – Barbelle (Sandbeck).

La storia più intrigante riguarda Voltigeur (da qui le Great Voltigeur Stakes, ora le Sky Bet Great Voltigeur Stakes, un Gruppo 2, di preparazione al St. Leger, a m. 2.400, con un montepremi di £ 170.000), che fu allevato dal Signor Robert Stephenson, a Hartlepool, una cittadina portuale del Regno Unito, che si trova nella Contea di Durham, affacciata sul Mare del Nord.
Alle Aste yearling del 1848, per quel figlio di Voltaire, non ci fu nemmeno un’offerta e il Signor Robert Hill, l’allenatore privato di Lord Zetland, cercò di persuadere, invano, il suo proprietario all’acquisto del puledro.
L’anno dopo Lord Zetland, su consiglio di suo cognato, il Signor Williamson, cambiò idea e comprò quel 2 anni, per 1.000 Ghinee (circa £ 120.000 di oggi), con una contingency di Ghinee 500 (circa £ 60.000 di oggi) che l’acquirente avrebbe dovuto pagare al venditore, in caso di vittoria nel Derby.

Voltigeur corse una sola volta a 2 anni vincendo e durante l’Inverno il cavallo fu oggetto di sostanziose puntate per il Derby del 1850.

Arrivato a Epsom, Voltigeur lavorò malissimo e al momento dell’off la sua quota era di 16/1.

Ci fu un giallo: alla vigilia della corsa Lord Zetland scoprì che per partecipare al Derby doveva pagare £ 400 (circa £ 50.000 di oggi) e, in un primo momento, si rifiutò di sborsare quella cifra.
Tutto il personale dell’immensa proprietà di Lord Zetland, a Richmond, Yorkshire del Nord, aveva messo quasi tutti i propri risparmi sulla vittoria del cavallo nel Derby
Tra l’altro Lord Zetland era il Gran Maestro della Massoneria Inglese e moltissimi Fratelli avevano investito somme cospicue su Voltigeur per la sua vittoria in quella corsa.
Alla fine il cognato di Lord Zetland, il già citato Signor Williamson, lo convinse a pagare le 400 Sterline per essere al via.
Voltigeur vinse facile montato da Job Marson.

Nel St. Leger, a Doncaster, ci fu un altro giallo.
In corsa Chatterbox (IRE) (m. b. 1847 Magpie – Clari (Smolensko) ostacolò gravemente Voltigeur, favorito odds – on, a 8/13, tanto che sul palo il giudice d’arrivo proclamò dead – heat con il compagno di scuderia di Chatterbox, Russborough (IRE) (m. s. 1847 Tearaway (figlio di Voltarire) – Cruiskeen (Sir Hercules).

I proprietari dei due cavalli non trovarono l’accordo per la suddivisione del premio e la corsa fu ripetuta sul finire dello stesso pomeriggio.
Il Signor Hill, allenatore di Voltigeur, decise di mandare a riposo, in un box, il cavallo, prima della sfida a due, ma un addetto ai lavori, tale Mr. John Scott, lo convinse a farlo passeggiare: sarebbe stato meglio sparare in testa a Voltigeur che fermarlo per il riposo, perché si sarebbe “rintronato” (disse il Signor Scott).
Il Signor Hill accettò il consiglio: il fantino Job Marson corse all’attesa, per fulminare Russborough sul palo per una lunghezza.

Il giorno dopo, nonostante avesse già percorso ben 4 Miglia (nei due heats del St. Leger), Voltigeur tornò in pista e fece un canter nelle Scarborough Stakes.

E dopo tutto ciò, a distanza di due giorni, ci fu lo scontro con The Flying Dutchman, favorito a 2/11 (addirittura a 1/10 in running), allevato dal Signor Henry Carsittart, di proprietà di Archibald Montgomerie, 13° Conte di Eglinton, allenato da Signor John Fobert, che aveva vinto il Derby e il St. Leger l’anno prima.
La distanza fu fissata sulle due Miglia e il premio era di 1.000 Sovrane.
Il famoso Ammiraglio Henry John Rous, Steward del Jockey Club e Handicapper ufficiale, fissò i pesi: Flying Dutchman 120 Libbre e mezza e Voltigeur 112 Libbre.
Il fantino di Flying Dutchman, tale Marlow, si presentò alla partenza completamente ubriaco gridando a tutti: “Vi farò vedere che razza di fenomeno ho sotto”.
Impresse alla corsa un’andatura frenetica, ma il cavallo non era al top della condizione perché il suo allenatore aveva avuto la mano leggera con lui pensando che Voltigeur avrebbe dato forfait.
Sul palo il distacco a favore del 3 anni fu di mezza lunghezza.
La folla era letteralmente impazzita: 150.000 gli spettatori.

Sul Knavesmire (parola Anglo – Sassone che significa uomo di bassa estrazione sociale (knave) e pascolo paludoso per il bestiame, mire, il giorno 7 Aprile del 1739, fu giustiziato il famoso bandito Dick Turpin, ex macellaio, in seguito a un furto di cavalli.

In questo Meeting sotto osservazione due Campioni, Enable (GB) (f. s. 2014 Nathaniel) e Stradivarius (IRE) (m. s. 204 Sea The Stars), alla caccia del secondo bonus da £ 1.000.000 se farà scopa in tutte le Coppe (è messo benissimo anche quest’anno), un ottimo cavallo da corsa, Crystal Ocean (GB) (m. b. 2014 Sea The Stars) e un buon castrone Battaash (IRE) (c. b. 204 Dark Angel), che avrà un fior di avversario, in Ten Sovereign (IRE) (m. b. 2016 No Nay Never).

Ladbrokes offre la quota di 10/1 per Lanfranco Dettori che vince 6 o più corse nel meeting.

York 21.08.2019

Entriamo nel rosso dell’uovo delle corse di oggi.

Il muro di gomma risponde sempre con tre piazzati anche con 137 partenti: viva!

GOING GOOD (GoingStick: 7.0) (Rail movements: 3.00, 3.35 & 4.15 +32yds) (Partly cloudy)
Stalls 6f – Stands’ side; 5f & 1m 4f – Centre; Remainder – Inside

H. 2.25PM GMT, H. 3.25PM CET: Tattersalls Acomb Stakes, Gr-3, 7f, per soli cavalli di 2 anni, con una dotazione complessiva di £ 100.000.

Race conditions: £100,000 guaranteed For 2yo which, before July 11th, have not won a race Weights colts & geldings 9st 1lb; fillies 8st 12lb Penalties after July 10th, a winner of a Group 3 race 3lb; of a Group 1 or Group 2 race 5lb pay £1,000.
Una corsa per matti: non capisco nulla, o quasi.
Prevista un’andatura regolare e nulla più.
Favorito, tra 11/4 e 7/2 Persuasion (IRE) (m. b. 2017 Acclamation), che ha un Best Racing Post Rating di 100, un Timeform aggiustato per la corsa di 110p: è stato pagato Ghinee 220.000 da yearling alle Aste Tattersalls di Ottobre, Libro, 1, e ha vinto al debutto a Goodwood, alla quota di 16/1.
Segue nel mercato, tra 4/1 e 5/1, Vitalogy (GB) (m. b. 2017 No Nay Never), pagato € 120.000 al Breeze – Up di Maggio di Arqana, ha un BRPR di 98, un Timeform di 104p, ha vinto al debutto, a Naas, alla quota di 25/1.
Valdermoro (USA) (m. b. 2017 Declaration Of War), pagato Ghinee 50.000 al Breeze – Up di Tattersalls, ad Aprile, ha un BRPR di 99, un Timform di 105p e una quota tra 9/2 e 5/1, appoggiato durante la notte.
Ha vinto alla seconda uscita, a Doncaster, alla quota di 5/4F.
Cobra Eye (GB) (m. b. 2017 Kodiac), pagato yearling € 150.000, alle Aste Arqana di Agosto, ha vinto alla seconda uscita, a Goodwood, alla quota di 15/8F, ha un BRPR di 97, un Timeform di 97p e una quota tra 6/1 e 7/1: appartiene a Phoenix Thoroughbred Ltd., che vince molto anche con il binomio John Quin, che allena Settrington, North Yorkshire, Regno Unito, Lanfranco Dettori.
Phoenix Thorughbred Ltd. fa capo al Signor Abdul Aziz Amer, originario del Bahrain, un uomo d’affari che si occupa di finanza, di elettronica, di proprietà immobiliari, che ha investitori da tutto il mondo, con circa 150 cavalli in allenamento in Australia, Nuova Zelanda, Stati Uniti, Regno Unito, Arabia Saudita e Dubai.
Addirittura ha formato dei sindacati di Signore in Dubai con una piccola branch in Arabia Saudita che ha buon successo (un secondo al Royal Ascot).
Il Signor Amer ha dichiarato recentemente che il suo piano a 5 anni, ma anche a 3 anni, prevede di collocare la Phoenix Thoroughbred Ltd. subito dopo Ballydoyle e Godolphin come importanza e come successi.
Oggetto misterioso, che porta il paraocchi per la prima volta, Harpocrates (IRE) (m. b. 2017 Invincible Spirit), che ha già coso sei volte, che ha un Official Rating di 100, un BRPR di 97 e un Tieform di 109: quota tra 7/1 e 10/1.
Appartiene alla famiglia di Camelot (GB) (m. b. 2009 Montjeu), stallone di successo e un suo figlio, l’altro giorno, a Deauville, durante le Aste Arqana, è stato venduto per € 650.000 a un proprietario Giapponese: ha vinto una corsucola a Naas, alla quota di 11/4 ed è stato battuto, da favorito a 5/4, a Tipperary, in una Listed vinta dall’imbattuto Justifier (m. s. 2017 Free Eagle).
Come vedete la scelta è quasi impossibile: il tondino potrebbe dare la sentenza e ve ne darò conto, come il solito.

H. 3.00PM GMT, H: 4.00PM CET: Sky Bet Great Voltigeur Stakes, Gr-2, 1m3f188y, per soli cavalli di 3 anni, con una dotazione complessiva di £ 170.000.

Race conditions: £170,000 guaranteed For 3yo colts and geldings Weights 9st Penalties after 2018, a winner of a Group 2 race 3lb; of a Group 1 race 5lb pay £575 Penalty value 1st £96,407.00 2nd £36,550.00 3rd £18,292.00 4th £9,112.00 5th £4,573.00 6th £2,295.00.
Altra corsa di difficilissima interpretazione che costituisce l’ultimo test per il William Hill St. Leger.
Tra l’altro dovrebbe esserci poca andatura.
Favorito a una quota tra 10/11 e 11/10, in forte discesa, Logician (GB) (m. gr. 2016 Frankel), che un OR di 101, un BRPR di 123, un Timeform di 127p.
È imbattuto nelle tre corse disputate, ma l’ultima era un Handicap: non mi fa impazzire.
Massimo Rating del Timeform per Costantinople (IRE) (m. b. 2016 Galileo), 130, che ha un OR di 100, un BRPR di 127, una quota tra 2/1 e 9/4.
A Goodwood, nelle Qatar Gordon Stakes, altro test per il St. Leger, è stato battuto da Nayef Road, che oggi ritrova.
Quel giorno avrebbe vinto, ma stortava la testa, faceva delle difese e “sbandicchiava”.
La Scuderia è fuori forma, per non parlare del fantino Ryan Moore, ma prima o poi una corsa buona la vincono: potrebbe essere questa.
Nayef Road (IRE) (m. s. 2016 Galileo), ha un OR di 108, un BRPR di 125 e una quota tra 4/1 e 6/1, piuttosto abbandonato al betting.
È un tipico cavallo di Mark Johnston che ha già corso 6 volte quest’anno vincendo due corse.
Lo monta Silvestre De Sousa che è un’ira di Dio.
Proviamo Costantinople, anche per una questione statistica: come ho detto, prima o poi, un Gruppo Aidan O’Brien lo vince.

H. 3.35PM GMT, H.4.35PM CET: Juddmonte International Stakes, Gr-1, 1m2f56y, per cavalli di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 1.000.000.

Race conditions: £1,000,000 guaranteed For 3yo+ NOTE: Horses will only be eligible to run in this race provided that they have a current BHA Handicap Rating of 80 or higher at midday of the confirmation stage. Horses which do not qualify for a rating may also be eligible providing the BHA handicapper is satisfied the horse’s racecourse performances up to and including the day before confirmation merit a a provisional assessment of 80 or higher. Horses which have not run will not be eligible Weights 3yo colts & geldings 8st 13lb; fillies 8st 10lb; 4yo+ colts & geldings 9st 6lb; fillies 9st 3lb Weight for age 3yo from 4yo+ 7lb pay £4,375 Penalty value 1st £567,100.00 2nd £215,000.00 3rd £107,600.00 4th £53,600.00 5th £26,900.00 6th £13,500.00.
Elarqam (GB) (m. b. 2015 Frankel) è stato supplementato al costo di £ 75.000.
Attenzione: le QIPCO King George, spesso e volentieri, sono la tomba dei vincitori e non solo.
Un esempio su tutti: 1975, Grundy (GB) (m. s. 1972 Great Nephew – Word From Lundy (Worden), allevato da Overbury Stud, di proprietà del Dr. Carlo Vittadini, allenato da Peter Walwyn, a Seven Barrows, Lambourn, Bershire, Regno Unito, montato da Pat Eddery, favorito a 5/4 on, e Bustino (GB) (m. b. 1971 Busted – Ship Yard (Doutelle), allevato dal Signor E. Cooper Bland, di proprietà di Lady Beaverbrook, allenato da Dick Hern, a West Isley, Berkshire, Regno Unito e montato da Joe Mercer, in quella edizione sponsorizzata dalla De Beers (diamanti) ingaggiarono un duello mitico, vinto da Grundy (ero presente e come nel Derby appoggiai allegramente il cavallo).
Fu battuto il record della corsa con 2.26.98, record ribattuto nel 2010 da Harbinger (GB) (m. b. 2006 Dansili), ma Bustino si stroncò e Grundy, fu mandato a correre, a York, la Benson & Hedges Gold Cup (ero presente) e finì quarto, stanco: vinse Dahlia (USA) (f. b. 1970 Vaguely Noble).
Dopo quella sconfitta Grundy fu ritirato in razza.

Crystal Ocean (GB) (m. b. 2014 Sea The Stars), che corre oggi, ed Enable (GB) (f. b. 2014 Nathaniel), che correrà domani le Darley Yorkshire Oaks, pochi giorni fa, ingaggiarono una lotta tremenda nelle QIPCO King George e non è detto che i due cavalli siano ancora al top della forma.

Nelle ultime cinque edizioni per tre volte hanno vinto i 3 anni.

Attenzione: probabilmente ci sarà poca andatura.

Cheval Grand (JPN) Oisin Murphy 5
Crystal Ocean (GB) James Doyle 4
Elarqam (GB) Jim Crowley 2
Lord Glitters (FR) Daniel Tudhope 9
Regal Beauty (GB) Richard Kingscote 8
Thundering Blue (USA) Jason Watson 3
Circus Maximus (IRE) Donnacha O’Brien 6
Japan (GB) Ryan Moore 7
King Of Comedy (IRE) Lanfranco Dettori 1
ANALISI DEI PARTENTI

CHEVAL GRANS (JPN) (m. s. 2012 Heart’s Cry – Halwa Sweet (Machiavellian). Proprietario: Mr. Kazuhiro Sasaki, Allevatore: Northern Racing, Allenatore: Yasuo Tomomichi, in Giappone, Fantino: Oisin Murphy. Corse Disputate: 30, Vittorie: 7, Piazzamenti: 14. OR: 119, Best Racing Post: 123. Timeform aggiustato per la corsa 129. Quota: tra 25/1 e 33/1.
Ha vinto la Japan Cup nel 2017 ed è stato secondo nella Longines Dubai Sheema Classic, quest’anno, a Meydan.
Ha corso male nelle QIPCO King George.
A mio avviso non conta nemmeno per una piazza.

CRYSTAL OCEAN (GB) (m. b. 2014 Sea The Stars – Crystal (Star Mark Of Esteem)). Proprietario: Sir Evelyn De Rothschild, Allevatore: Southcourt Stud, Allenatore: Sir Michael Stoute, a Newmarket, Suffolk, Regno Unito, Fantino: James Doyle. Corse disputate: 16, Vittorie: 8, Piazzamenti: 8. OR: 127, BRPR: 129, Timeform: 139. Quota: tra 10/11 e 11/10.
Vi ho già detto di tutto e di più.
Se è da corsa non può perdere, ma c’è l’incognita dello scontro con Enable (GB) (f. b. 2014 Nathaniel) nelle QIPCO King George che potrebbe aver lasciato il segno.
Sicuramente Sir Michael Stoute l’avrà preso con le molle dopo la sua ultima performance, ma solo la pista, oggi, darà il verdetto.

ELARQAM (GB) (m. b. 2015 Frankel – Attraction (Efisio). Pagato Ghinee 1.600.000 da yearling alle Aste Tattersalls di Ottobre, Libro 1. Proprietario: Sua Eccellenza Sceicco Hamdan bin Rashid Al Maktoum, Allevatore: Floors Farming, Allenatore: Mark Johnston, a Middleham Moor, North Yorkshire, Regno Unito, Fantino: Jim Crowley. Corse disputate: 11, Vittorie: 5, Piazzamenti: 2. OR: 118, BRPR: 122. Timeform: 132. Quota: tra 10/1 e 11/1.
È stato supplementato a al costo di £ 75.000.
Gli manca una vittoria in Gruppo 1 per essere consacrato stallone di prima grandezza (teorica) e ci prova, giustamente.
All’ultima uscita, proprio a York, ha vinto un Gruppo 2.
Ottima chance sia per la vittoria (se CRYSTAL OCEAN non è da corsa) sia per una piazza.

LORD GLITTERS (FR (c. gr. 2013 Whipper – Lady Glitters (Homme De Loi). Proprietario: Mr. Geoff & Mrs Sandra Turnbull, Allevatore: SCEA Elevage de Tourgeville, Allenatore: David O’Mera, a Upper Helmsley, North Yorkshire, Regno Unito, Fantino: Daniel Tudhope. Corse disputate: 23, Vittorie: 7, Piazzamenti: 10. OR: 117, BRPR: 120, Timeform: 131. Quota: tra 22/1 e 33/1.
Ha vinto le Queen Anne Stakes al Royal Ascot ed è stato quinto nelle QIPCO Sussex Stakes.
Mi sembra durissima per lui.

REGAL BEAUTY (GB) (m. b. 2015 Intello – Regal Realm (Medicean). Proprietario: Cheveley Park Stud, Allevatore: Cheveley Park Stud Ltd., Allenatore: Sir Michael Stoute, a Newmarket, Regno Unito, Fantino: Richard Kingscote. Corse disputate: 9, Vittorie: 3, Piazzamenti: 4. OR: 120, BRPR: 121: Timeform: 131. Quota: tra 20/1 e 33/1.
È il terzo delle Coral Eclipse Stakes di Enable e l’ultima volta è stato quarto di ELARQAM a York.
Per me non conta.

THUNDERING BLUE (USA) (c. gr. 2013 Exchange Rate – Relampago Azul (Forestry). Proprietario: Mr. Clive Washbourn, Allevatore: Dr. Tom Castoldi, Allenatore: David Menuisier, a Pulborough, West Sussex, Fantino: Jason Watson. Corse disputate: 25, Vittorie: 6, Piazzamenti: 9. OR: 112, BRPR: 119, Timeform: 126+. Quota: tra 33/1 e 50/1.
L’anno scorso è stato terzo in questa corsa.
Quest’anno mi sembra vada piano, molto piano.

CIRCUS MAXIMUS (IRE) (m. b. 2016 Galileo – Duntle (Danehill Dancer). Proprietario: Flaxman Stables, Mrs. John Mangier, Mr. Michael Tabor, Mr. Derrick Smith, Allevatore: Flaxman Stables Ireland Ltd., Allenatore: Aidan O’Brien, a Ballydoyle, Co. Tipperary, Irlanda, Fantino: Donnacha O’Brien. Corse disputate: 8, Vittorie: 3, Piazzamenti: 2. OR: 118, BRPR: 119. Timeform: 130.Quota: tra 9/1 e 11/1.
Ha vinto le St. James’s Palace Stakes al Royal Ascot battendo KING OF COMEDY ed è stato secondo nelle QIPCO Sussex Stakes.
Non dovrebbe avere problemi sulla distanza.
Porta il paraocchi.
Affascinante incognita di una scuderia fino ad oggi fuori forma.

JAPAN (GB) (m. b. 2016 Galileo – Shastye (Danehill). Pagato Ghinee 1.300.000 alle Aste yearling di Tattresalls di Ottobre, Libro 1. Proprietario: Mr. Derrick Smith, Mrs. John Manier, Mr. Michael Tabor. Allevatore: Newsells Park Stud, Allenatore: Aidan O’Brien, a Balydoyle, Co. Tiiperary, Irlanda, Fantino: Ryan Moore. Corse disputate: 7, Vittorie: 4, Piazzamenti: 1. OR: 117, BRPR: 120, Timeform: 132p.
Pioggia di denari su di lui (da 12/1 a 9/2 / 6/1).
Terzo nell’Investec Derby, ha vinto le King Edward Stakes, al Royal Ascot e il Juddmnte Grand Prix de Paris, Gr-1, a Longhamp.
Retrocede in termini di distanza, cosa che non mi piace, ma sulla carta ha un’ottima chance: vale il discorso per ELARQAM.
Con l’incognita della monta, non certo al top della forma.

KING OF COMEDY (IRE) (m. b. 2016 Kingman – Stage Presence (Selkirk). Proprietario: Lady Bamford, Allevatore: Lady Bamford, Allenatore: Jogn Godsden, a Newmarket, Suffolk, Regno Unito, Fantino: Lanfranco Dettori. Corse disputate: 5, Vittorie: 3, Piazzamenti: 2. OR: 116, BRPR: 117, Timeform: 134p. Quota: tra 10/3 e 4/1.
Per il momento, quando ha scritto primo lo ha fatto in una Listed, ma John Gosden può tutto o quasi.

Io lo sto a guardare.

CONCLUSIONI

Ricordate quello che ho scritto a proposito dello scontro Grundy vs. Bustino.
Detto ciò io suggerisco ELARQAM e JAPAN (appoggiato da 12/1 a 5/1) each way e le due exacta CRYSTAL OCEAN to beat ELARQAM and to beat JAPAN.
Se io fossi un bookmaker Italiano (ma non lo sono) aprirei CRYSTAL OCEAN 5/4 e “I’ll take him on bocca dire”, lo bancherei bocca dire: fino a quando ce ne sono li prenderei tutti.
Magari andrei “stirato”, ma il bookmaker, se conosce la materia e se è appassionato, come deve essere, deve avere sempre una strong opinion, a vincere o a perdere, altrimenti che bookmaker è?
In Italia magari aprirà 5/4 on e non mi meraviglierei.

Carlo Zuccoli

P. S.

H. 1.55PM GMT, H. 2.55PM CET: Sky Bet And Symphony Group Handicap, Classe 2, 5f89y, per cavalli di 3 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 70.000.
È prevista un’andatura micidiale.
Favorito ad una quota tra 9/2 e 5/1, Dakota Gold (GB) (c. b. 2014), che porta 5 Libbre di sovraccarico per l’ultima vittoria, che ha un OR di 104, un BRPR di 112 e un Timeform di 124 (Rating massimo).
È un cavallo di testa, difficile da battere, anche se il numero di steccato non è il più favorevole (sono favoriti i numeri bassi) comunque difficile che esca dai primi quattro (ma in Italia continua il “massacro” dei tre piazzati e non si sa il perché).
Segue nel mercato Justanotherbottle (IRE) (c. s. 2014 Intense Focus), con una quota tra 13/2 e 9/1, un OR di 109 e un BRPR di 109, con un Timeform di 120.
Tra 10/1 e 12/1 Gunmetal (IRE) (c. gr. 2013 Clodovil), che ha un OR di 104, un BRPR di 112 e un Timeform di 119 e tra 11/1 e 14/1 Stone Of Destiny (GB) (c. b. 2015 Acclamation), con un OR di 105, un BRPR di 112 e un Timeform di 116.

H. 4.15PM GMT, H. 5.!5PM CET: Sky Bet Handicap, Classe 2,2m56y, per cavalli di 4 anni e oltre con una dotazione complessiva di £ 70.000.
Si capisce pochissimo in questo Handicap sulla distanza lunga.
Ci dovrebbe essere una discreta andatura, ma nulla più.
Infrastructure (GB) (c. s. 2015 Raven’s Pass), ha un OR di 80, un BRPR di 111 e un Timeform di 114, con una quota tra 7/1 e 15/2.
Rating massimo, 117, per Charles Kingsley (GB) (m. b. 2015 New Approach), che ha un OR di 100, un BRPR di 104, e una quota tra 11/2 e 15/2.
Tra 11/2 e 7/1 Carnwennan (IRE) (c. b. 2015 Cacique), con un OR di 94, un BRPR di 114 e un Timeform di 116.
Come ho sempre detto non sono uno specialista degli Handicaps, ma fornisco informazioni.

H. 4.50PM GMT, H. 5.50PM CET: Sky Bet Nursery Handicap, Classe 2, 6f, per soli cavalli di 2 anni con una dotazione complessiva di £ 70.000.
Saranno avvantaggiati i numeri bassi di steccato e l’andatura sarà molto sostenuta.
Favorito tra 9/2 e 11/2, Oti Ma Boati (GB) (f. b. 2017 Iffraaj), che ha un OR di 81, un BRPR di 101 e un Timeform di 103p.
Rating massimo del Timeform 109p, per Pop Dancer (IRE) (m. b. 2017 Kodiac), che ha un OR di 95, un BRPR di 100 e una quota tra 7/1 e 8/1, ma ha il 22 di steccato.
Naturalmente in Italia sempre e solo tre piazzati: equipararsi al mondo civile è commettere peccato, naturalmente.

C. Z.

Stato del terreno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.