ASCOT: 17 – 20 GIUGNO 2020, ANCORA QUATTRO GIORNATE DI CORSE DA NON PERDERE
Ascot: 17 – 20 Giugno 2020, ancora quattro giornate di corse da non perdere (Palinsesto Complementare di Snai)

Mappa della pista e sua descrizione
(copyright Timeform)

Como, 17 Giugno 2020
Desolante vedere l’ippodromo di Ascot, uno dei più belli del mondo, senza spettatori: speriamo che questo fatto non si ripeta più per il resto delle nostre vite.
Nessuna sfilata di carri Reali, nessun membro della famiglia Reale presente, niente code, niente top hats, niente cappelli per le signore: che tristezza.

I risultati non hanno di certo ravvivato la giornata “infiocchettata” da scrosci di pioggia, tanto che alla fine il terreno era good to soft, soft in places: e domani sarà la stessa musica, essendo previsti altri sgrulloni di pioggia, i noti showers.

Tre corse le ha vinte S. E. lo Sceicco Hamdan bin Rashid Al Maktoum, la cui scuderia, non brilla più di tanto.
Ha vinto un Handicap, la prima corsa, un Gruppo 1 “farlocco”, con Battaash (IRE) (c. b. 2014 Dark Angel), che è stato acquistato yearling alle Aste Tattersalls di Ottobre, Libro 2, per Ghinee 200.000.
Avevo detto di guardare altrove per la vittoria perché Battaash non aveva mia vinto ad Ascot: in effetti correva solo e, alla fine, la sua quota era addirittura grassa (6/5 on).
Non mi sono mai interessati i castroni velocisti e non, di qualsiasi età essi siano, né mai m’interesseranno: sono la contraddizione della selezione.
Anche Motakhayyel (GB) (m. b. 2016 Heeraat, per carità!), che ha vinto l’Handicap di apertura, è stato acquistato, yearling, alle Aste Tattersalls di Ottobre, Libro 2, per Ghinee 100.000.
Solo Nazeef (GB) (f. b. 2016 Invincible Spirit), che ha vinto le Duke Of Cambridge Stakes, Gr-2, è stata allevata in casa da Sua Eccellenza.
Naturalmente tutti i commentatori della TV Inglese si sono precipitati ad elogiare l’allevamento Shadwell: incredibile, ma vero.

Coloro che hanno corso le King Edward VII Stakes, Gr-2, (una volta la corsa veniva dopo il Derby), compreso il vincitore, Pyledriver (GB) (m. b. 2017 Harbour Watch, no per favore!), non sono cavalli per la Classica di Epsom, compreso Mogul (GB) (m. b. 2017 Galileo), costato Ghinee 3.400.000 alle aste yearling di Tattersalls, Libro 1 (operazione di foal – sharing con il Newsell Park Stud?), che ha fatto un flop clamoroso.
Pyledriver era andato invenduto, da foal, alle Aste Miste di Tattersalls, a Newmarket, di Dicembre: Ghinee 10.000 non erano state ritenute sufficienti dai loro allevatori, Knox & Wells Limited & R Devlin, per cederlo.
Ora quei signori, che sono anche i proprietari del cavallo, sognano il Derby e allo stesso modo lo sogna il suo allenatore, il Signor William Muir, che allena a Lambourn, Berkshire, Regno Unito.
La sua quota è di 16/1.
English King, sempre co – favorito con Kameko (USA) (m. b. 2017 Kitten’s Joy), vincitore delle QIPCO 2000 Ghinee, a 9/2, per l’Investec Derby, è, allo stato, la mia selezione per quella Classica.

Interessante, ma non più di tanto, Frankly Darling (GB) (f. b. 2017 Frankel), che ha vinto le Ribblesdale Stakes, Gr-2, m. 2.400 (anche questa corsa di solito si disputa dopo le Oaks): Love (IRE) (f. s. 2017), vincitrice delle QIPCO 1000 Ghinee può stare tranquilla nelle Investec Oaks, perché l’avversaria, caso mai, l’ha in casa, Fancy Blue (IRE) (f. b. 2017 Deep Impact).
Mercato ante – post per la Classica: 13/8 Love, 14/1 FancyBlue, 10/1 Frankly Darling.

E veniamo a Circus Maximus (IRE) (m. b. 2016 Galileo) che ha vinto, di misura, le Queen Anne Stakes, Gr-1, battendo sul palo Terebellum (IRE) (f. b. 2016 Sea The Stars).
Il cavallo è stato montato alla perfezione da Ryan Moore e, credo, abbia margini notevoli di miglioramento.

Disgustosa l’“operazione commerciale” orchestrata, direi proprio, dai bookmakers con l’aiuto della stampa tutta, per Mohaather (GB) (m. b. 2016 Showcasing), alla fine addirittura quasi favorito, a 6/1.
Non c’è stato esponente della stampa televisiva e della carta stampata (il favorito del Racing Post) che non inneggiasse a questo cavallo, non si sa su quali basi (sudato da far paura alle gabbie).
Il suo fantino Jim Crowley non è stato da meno, inneggiando al lavoro strepitoso del cavallo a Lingfield.
Ricordate cosa disse Charlie Appleby di Pinatubo (IRE) (m. b. 2017 Shamardal)?
Durante l’Inverno il cavallo è cresciuto enormemente, si è inquartato enormemente, etc.: infatti era lo stesso dello scorso anno il giorno delle QIPCO 2000 Ghinee.
Vorrei vedere la faccia di coloro che hanno investito denari su questo cavallo (Mohaather), facendo precipitare la sua quota da 20/1 a 6/1 (il suo Starting Price).
Credo che i furbi veri lo abbiano bancato per i massimi.
Naturalmente tutti quelli con il biglietto in tasca hanno maledetto Jim Crowley su FaceBook, edizione Italiana, affermando che il cavallo era una “rapina” e che a quei “mascalzoni” (i primi due) la prossima volta gliela fa vedere lui, perché ieri non ha corso.
Beati loro: il mondo è bello perché è “avariato”.

Mercoledì 17 Giugno 2020: una corsa di Gruppo 1, una corsa di Gruppo 3, una Listed (più quattro Handicaps).

H. 1.50PM GMT H. 2.50PM CET: Hampton Court Stakes, Gr-3, 1m1f212y, per cavalli di 3 anni, con una dotazione complessiva di £ 60.000.
Attenzione a Russian Emperor (IRE) (m. b. 2017 Galileo) che l’ultima volta, a Leopardstown, al rientro, è stato montato malissimo.
La sua quota oscilla tra 11/4 e 100/30.
Pericolosi Jean Elcano (GB) (m. s. 2017 Frankel), a una quota tra 3/1 e 7/2 e First Receiver (GB) (m. b. 2017 New Approach), tra 2/1 e 9/4, favorito.

Royal Ascot 2019Japan (GB) (m. b. 2016 Galileo)
H. 3PM GMT H. 4.00PM CET: Prince Of Wale’s Stakes, Gr-1, 1m2f212y, per cavalli di 4 anni e oltre, con una dotazione complessiva di £ 250.000.
Il 21 Marzo e l’11 di Aprile Addeybb (IRE) (c. s. 2014 Pivotal) ha vinto due corse di Gruppo 1 in Australia, su terreno soft, e si ripresenta dopo quel viaggio infernale, sia pure in prima classe.
È uno specialista del terreno soft o good to soft (caratteristica tipica trasmessa dal suo grande padre) che troverà ad Ascot.
La sua quota oscilla tra 4/1 e 13/2.
Il mio favorito è Japan (GB) (m. b. 2016 Galileo), pagato Ghinee 1.300.000 alle Aste yearling di Tattersalls, Libro 1 (altra operazione di foal – sharing con il Newsells Park Stud?): quota tra pari e 5/4.
È un cavallo da Gruppo 1 vero e su questo non si discute e ha una certa attitudine al terreno che troverà ad Ascot.
Mi sembra difficile da battere.
Purtroppo, al momento, non c’è in corso un’altra “operazione commerciale” come quella di ieri e la quota è quella che è.
Sicuramente correrà meglio del suo fratello pieno Mogul, minore di un anno.

H. 4.10PM GT H. 5.10PM CET: Windsor Castle Stakes, Listed, 5f, per cavalli di 2 anni, con una dotazione complessiva di £ 40.000.
Mi giungono notizie di un “canarino”: Chief Little Hawk (USA) (m. s. 2018 Air Force Blue).
È velocissimo alla sgabbiata e ha vinto, al debutto, a Navan: è nato il 20 Maggio, ma è molto precoce.
Appartiene alla prima annata di produzione di suo padre, Air Force Blue (USA) (m. b. 2013 War Front), plurivincitore di Gr-1, a 2 anni, in Irlanda e in UK, che fa la monta all’Ashford Stud, Versailles, Kentucky, al tasso di USD $ 15.000.
La sua quota oscilla tra 7/2 e 9/2.
L’avversario?
Lui stesso.

Good luck!

Carlo Zuccoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.